lunedì 19 dicembre 2016

Dedicata... a me...e a tutte voi


Me lo chiedo al posto tuo ma come fai a prendere così tanti schiaffi dalla vita a tornare a casa con i lividi negli occhi le ossa rotte e le stanchezze di chi non vede più in giro le grandi bellezze e continuare ad andare avanti ma come fai ogni volta a reggere i colpi come se nulla fosse a nascondere gli acciacchi ed uscire ancora e tornare sfinita smorta maltrattata ma come fai? me lo chiedo al posto tuo a rimanere esile con gli arroganti delicata con gli uomini dai pugni chiusi innamorarti dove non c'è cuore e cercare perdutamente una cosa buona e tornare sola, di notte a casa torturata dal mondo e dietro la schiena hai cosi tanti coltelli da sembrare un porta posate della miracorblade e dentro i tuoi occhi hai così tante sconfitte che medichi con la striscia del traguardo che non hai ancora raggiunto ma come fai a crepare come i muri e a rimanere in piedi ancora e ancora in piedi me lo chiedo per te ma come fai? a prendere calci e delusioni da tutti e a restare in piedi dopotutto non lo so come fai io non lo so ma so che ogni volta tu ce la fai e a volte non serve sapere come serve solo continuare a farcela.

 Gio Evan