venerdì 27 gennaio 2017

Venti cose che solo chi è cresciuto in una famiglia del sud può capire (leggetela tutta )

                                                        foto presa dal web
#1. Quando inizi una nuova relazione sentimentale tuo zio viene a saperlo prima di te.

 #2. Ci sono sempre dei parenti dall’America da salutare al telefono.

 #3. A Pasqua ti siedi a tavola alle 11 e ti alzi alle 23, sempre se il tuo fisico regge.

 #4. Non esistono segreti.

 #5. Un pranzo in famiglia è più rumoroso del carnevale di Rio.

 #6.Quando fai un viaggio in treno di più di cento chilometri ti preparano un fagotto con due parmigiane, sedici arancini e quattro panini.

 #7. Ogni anno tra il 24 dicembre e il 7 gennaio ingrassi giusto di quei quindici chili.

 #8. Raramente ti è capitato di sentire pronunciare il tuo nome da tua mamma a una potenza inferiore ai 280 decibel.

 #9. Se fai un viaggio a Torino tua nonna ti chiede di salutargli il nipote della vicina che vive a Mestre.

#10. Quando c’è un battesimo o una cresima in vista, i due mesi precedenti devi prepararti atleticamente e psicologicamente se vuoi sopravvivere.

 #11. I tuoi parenti sono così numerosi che a volte sospetti si riproducano per mitosi.

 #12. Un matrimonio tra pochi intimi significa un minimo di 170 invitati.

 #13. C’è sempre un cane da scendere o una spesa da salire.

 #14. Il rito della partita a tressette è più solenne dell’incoronazione di Carlo Magno.

 #15. Anche se pesi 120 Kg per i nonni sei sempre sciupato.

 #16. Non esistono cugini ma solo altri fratelli.

 #17. Ogni membro della tua famiglia ti chiede quando ti sposerai almeno sei volte al giorno.

 #18. A capodanno tuo zio ha più fuochi d’artificio in macchina che la Casa Bianca il 4 luglio.

 #19. Può esserci anche la crisi del’29 ma durante le festività c’è sempre abbastanza cibo per un paio di reggimenti.

 #20. A volte vorresti scappare via da tutto il caos casalingo per poi renderti conto che non potresti fare a meno di quel calore per neanche dieci minuti.

 (web)